franciacorta
Quando vedo risalire rapidamente le fini bollicine di questo metodo classico, inanellate una ad una in catenelle sottilissime, penso a quanto tempo hanno dovuto attendere per esprimersi così, quanta fatica, attenzione, dedizione… ed è gioia.

GIANMARIO MACCAN

Franciacorta DOCG metodo classico composto per il 95% di Chardonnay e il 5% di Pinot Nero. Il nome Franciacorta deriva da “curtes francae”, che indicava le piccole comunità di monaci benedettini esentate dal pagamento di dazi, presenti nel territorio collinare che da Brescia si estende fino al lago d’Iseo.

Il vitigno

Le viti sono tutte in zona collinare allevate a Guyot, e i filari sono esposti a Est, Sud-Est. I terreni sono di origine morenica, formatisi al fine dell’ultima glaciazione per il ritiro del ghiacciaio.

La gradazione alcolica

13%

L’ affinamento

La fermentazione avviene alla temperatura di 16°C, per esaltare i profumi e ottenere un vino elegantissimo. In primavera si avvia la fase di rifermentazione in bottiglia. Le bottiglie restano coricate per 24 mesi. Inizia quindi l’operazione di scuotimento che serve a portare lentamente i lieviti al collo della bottiglia per essere espulsi con la sboccatura. Nel corso di questa operazione viene aggiunto un delicato liqueur d’expedition. Trascorsi 2/3 mesi dalla sboccatura e dopo circa 3 anni di lavorazione, lo spumante è pronto.

Il colore

Giallo paglierino scarico con riflessi dorati

Il Profumo

Perlage fine e persistente. La sensazione olfattiva rivela note fruttate intense, con gradevole sentore di lievito e crosta di pane.

Il Gusto

Il gusto è sapido, secco e persistente. Ottima la sensazione di effervescenza

Gli abbinamenti gastronomici

Estremamente versatile negli abbinamenti, oltre ad essere un ottimo aperitivo, è particolarmente indicato come tutto pasto con predilezione per i piatti dai sapori delicati a base di pesce e di carne.

Il servizio

Va servito in bicchieri a flûte con stelo lungo ad una temperatura che va dagli 8° ai 10°